Seleziona una pagina

In musica si dice intervallo la distanza tra due note o suoni. A causa della fisiologia della percezione del suono, l’intervallo musicale non è proporzionale alla differenza tra le frequenze dei suoni, ma alla differenza tra i loro logaritmi, cioè al rapporto tra le frequenze.

Tale distanza si può verificare tra due suoni prodotti consecutivamente, e in tal caso si parlerà di intervallo melodico o diacronico o salto, oppure tra due suoni prodotti simultaneamente, e si dirà intervallo armonico o sincronico o bicordo.

  • Un intervallo melodico si distingue anche per la direzione, ascendente o discendente, a seconda che il secondo suono sia rispettivamente più acuto o più grave rispetto al primo.
  • Un intervallo armonico è caratterizzato anche da consonanza e dissonanza, fenomeni legati all’interferenza generata dai due suoni in questione.

Si noti che l’intervallo musicale è una classificazione teorica delle distanze musicali e non delle distanze acustiche che separano un suono dall’altro. Per tale motivo, non rientra nel campo dell’accordatura e del temperamento.

Per approfondire, vedi le voci Temperamento e Comma.

Classificazione

Chiamando per necessità di chiarezza il suono più grave 1º termine e il suono più acuto 2º termine, per calcolare senza possibilità di confusione un intervallo è necessario stabilire la “distanza” e la “specie”.

Distanza

La distanza identifica quanti gradi intercorrono tra i due termini contando anche i due in questione, attraverso un aggettivo numerale ordinale al genere femminile (ad es.: Do3-Re3 = intervallo di seconda o di 2ª; Do4-Mi4 = intervallo di terza o di 3ª ); gli intervalli che vanno da quello di prima a quello di ottava vengono detti primari o semplici; quelli superiori all’ottava vengono detti multipli o composti dei precedenti, vale a dire che essi sono considerati trasposizioni degli intervalli primari alle ottave superiori (ad es.: l’intervallo di 10ª è il multiplo di quello di 3ª). Solitamente nella classificazione gli intervalli multipli vengono ricondotti ai loro corrispettivi primari, tranne casi particolari riguardanti lo studio dell’armonia

Specie

La specie è la distanza effettiva tra i termini. Essa viene calcolata sulla base della scala maggiore avente per tonica il 1º termine;

  1. se il 2º termine appartiene a quella scala, l’intervallo si dirà Giusto (abbr. in G) nel caso dell’unisono, 4ª, 5ª e 8ª (ad es.: Do-Sol = intervallo di 5ªG), Maggiore (abbr. in M) nel caso dalla 2ª, 3ª, 6ª e 7ª; ad esempio l’intervallo Do-Mi equivale ad un intervallo di 3ªM (terza maggiore) in quanto il Mi costituisce il terzo grado della scala di Do maggiore. L’intervallo di 1ª Giusta è detto anche unisono.
  2. se il 2º termine non appartiene alla scala maggiore del 1º termine, la specie viene modificata a seconda che i due termini si siano tra loro allontanati o ravvicinati rispetto allo stesso intervallo G o M:
    • se essi si sono allontanati, l’intervallo diventa progressivamente aumentato (A), più che aumentato (pA), eccedente (E), più che eccedente (pE), ultra eccedente (uE); ad esempio l’intervallo Do-Fa# è un intervallo di 4ªA (quarta aumentata) perché è più ampio di un semitono rispetto a Do-Fa che è il corrispettivo intervallo giusto;
    • se essi si sono ravvicinati, l’intervallo passerà a diminuito (D), più che diminuito (pD), deficiente (DF), più che deficiente (pDF), ultra deficiente (uDF); gli intervalli maggiori, prima di passare allo stadio di diminuiti, diventano minori (m); ad esempio l’intervallo Do-Fab è un intervallo di 4ªD (quarta diminuita) in quanto più piccolo di un semitono rispetto a Do-Fa che è l’intervallo giusto; invece Do-Mib è un intervallo di 3ªm (terza minore) perché più piccolo di un semitono rispetto a Do-Mi che è l’intervallo maggiore.

Tavola degli intervalli

Segue una tavola degli intervalli maggiormente usati. Per scelta e per limitare l’esempio, il primo termine non viene mai modificato. Questo comporta che si possono ottenere solo intervalli da più che diminuito a più che eccedente.

intervalli musicali ottenibili senza modificare il 1° termine

Nel caso il primo termine venisse modificato si potrebbero ottenere tutti i tipi di intervalli da ultra deficiente a ultra eccedente.

Tavola figurata degli intervalli tra due note sul pentagramma

Tavola degli intervalli tra due note sul pentagramma

Playlist della Settimana

Shop Powered By Amazon.it

Iscriviti ad Amazon Prime In cooperazione con Amazon.it

Random guitar rhythm

Count per Day

  • 388641Total reads:
  • 22Reads today:
  • 615Reads last week:
  • 1574Reads per month:
  • 215210Total visitors:
  • 36Visitors per day:
  • 0Visitors currently online:
A add9


Translate

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRomanianRussianSpanish

Electric Guitar Learn

Advanced Training (20)
Band Emergenti (4)
Bass Lesson (50)
Beginners Training (51)
Blues (19)
Country (1)
Download (5)
Eventi e Concerti (5)
Hard Rock (22)
Intermediate Training (63)
Metal (21)
No Category (12)
Pop (13)
Punk (8)
Recensioni (1)
Rock (56)
Rock 'n Roll (6)
Rythm (37)
Scales (2)
Style (2)
Uncategorized (2)

WP Cumulus Flash tag cloud by Roy Tanck requires Flash Player 9 or better.

Active Categories

Archivi

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline